Tosse

Tosse
>  
>  
Tosse: secca o grassa?

La tosse è uno dei meccanismi che ha a disposizione il nostro corpo per eliminare materiale estraneo o muco dai polmoni e dalle alte vie respiratorie. In genere si pensa che la tosse sia una patologia: in realtà la tosse è soltanto un sintomo, e l’importanza di questo sintomo può essere valutata solo nel contesto generale del paziente.

La tosse produttiva, comunemente chiamata grassa, dà luogo alla formazione di muco, un aggregato di polisaccaridi e proteine. Ci sono differenti cause che hanno tutte come sintomo la tosse grassa:

Infezioni virali: è normale avere la tosse grassa quando si ha il raffreddore, infatti la tosse in questo caso è stimolata dal muco che cola dal naso nel retro della gola;

Malattie croniche (bronchite, asma);

Rigurgito acido, dallo stomaco nell’esofago: questo tipo di tosse è sintomo di una patologia denominata sindrome da reflusso gastroesofageo;

Fumo: la tosse grassa nelle persone che fumano è spesso un sintomo di un danno polmonare o di un’irritazione della gola o dell’esofago.

La tosse secca o non produttiva come dice la parola non produce muco. La tosse secca può svilupparsi nella fase finale di un raffreddore oppure dopo l’esposizione ad agenti irritanti quali polvere o fumo. Le principali cause che danno origine a tosse secca sono:

Infezioni virali: dopo un raffreddore la tosse secca può perdurare più degli altri sintomi e spesso peggiora durante la notte;

Allergie;

Farmaci antipertensivi chiamati ACE inibitori (es. Zestril, Enapren);

Asma: una tosse secca persistente può essere sintomo di asma, insieme a respiro accorciato, affanno e senso di oppressione al petto.

Quali sono i trattamenti disponibili?

Per quanto riguarda i rimedi casalinghi per alleviare la tosse ricordiamo:

Prevenire la disidratazione introducendo molti liquidi, che aiutano a fluidificare le secrezioni e alleviano il mal di gola; se la tosse è secca bevande calde con il miele aiutano a sedarla;

Dormire con la testa sollevata per non stimolare il riflesso tussivo;

Utilizzare caramelle per la tosse per alleviare la gola irritata;

Utilizzare un umidificatore per evitare che l’aria sia troppo secca;

Evitare il contatto con sostanze irritanti, come fumo o polvere.

Per quanto riguarda i trattamenti farmacologici per curare la tosse possiamo distinguere principalmente due categorie: mucolitici ed espettoranti o sedativi.

I mucolitici fluidificano il muco rompendone la struttura polimerica per produrre molecole più semplici e facilmente eliminabili; gli espettoranti stimolano proprio la fuoriuscita del muco tramite l’atto del tossire grazie alla stimolazione diretta del sistema mucociliare.

I sedativi invece sopprimono il riflesso tussivo agendo direttamente sul centro della tosse; agiscono bene sulla tosse secca, specialmente pima del riposo notturno. Non vanno utilizzati in maniera eccessiva e soprattutto in presenza di muco: infatti in caso di tosse grassa il riflesso della tosse è fondamentale per espellere il muco dai bronchi e prevenire eventuali sovrainfezioni batteriche.

CONSULTA LE NOSTRE OFFERTE PER TROVARE IL PRODOTTO PIU' ADATTO ALLA TUA TOSSE!

Quando occore chiamare il dottore?

Se la tosse perdura per più di 7-10 giorni, o il sintomo diventa più severo, o se si dovesse vedere del sangue nel muco espulso, o se sopraggiungono altri sintomi come febbre, respiro tremolante chiamate immediatamente il vostro medico di fiducia.